Mercoledì, 19 Settembre 2018

Panella: «Libia nel caos, in Sicilia si rischia l’arrivo di terroristi»

L’editorialista di «Libero» e del «Foglio»: primo effetto l’aumento dei migranti. E la caduta di Gheddafi non è servita alle riforme
Sicilia, Editoriali

Tre anni dopo la caduta del regime di Gheddafi, la Libia è nel caos. «Anzi, peggio», esclama Carlo Panella. L’editorialista di «Libero» e del «Foglio» spiega: «In una nazione che ha 25 milioni di armi e circa 100 mila miliziani, si sta formando un disordine organizzato pericolosissimo per tutto il Mediterraneo, particolarmente per l'Italia. E la Sicilia - aggiunge, allarmato - si ritrova adesso a poca distanza da un emirato di terroristi islamici!».

I RISCHI?
«Innanzitutto, è prevedibile che aumenti enormemente il flusso di migranti. Lo ha detto anche Marco Minniti (sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Sicurezza nazionale, ndr) riferendo in Senato. Facile prevedere, poi, che questo flusso veicoli un gran numero di terroristi in Italia. Se una cellula vuole attaccare l’Europa, non deve fare altro che sbarcare da noi. Prepariamoci, poi, a un aumento di prodotti petroliferi e gas. Per adesso, non ne sta arrivando una goccia. Tra poco, ci diranno: se lo volete, dovete pagare di più!».
L’INTERVISTA COMPLETA SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X