Sabato, 17 Novembre 2018

Truffa sui debiti della Regione, incombe la prescrizione sulle presunte tangenti

Sono scaduti i tempi per le indagini sul reato di corruzione. I nuovi accertamenti concentrati sulle potesi riciclaggio e concussione
Sicilia, Cronaca

PALERMO. La Nomura non avrebbe comunicato alla Regione costi pari a 19 milioni 593 mila euro nel 2005 e 14 milioni e 478 mila nel 2006. Nel corso dell’anno fra il 2005 e il 2006, furono sottoscritti tre contratti di «swap» e la banca d’affari guadagnò circa 48 milioni. Come riporta il Giornale di Sicilia oggi, nel caso Nomura, da valutare sono le responsabilità della Regione, circa il suo ruolo e se ne fosse a conoscenza o meno. 
Un danno che alle casse di Palazzo dei Normanni è costato circa 175 milioni complessivi. C’è possibilità che cada in prescrizione, invece, l’ipotesi, ancora da approfondire, sul presunto pagamento di tangenti a uomini politici, per cui l’unico indagato è l’ex presidente della Regione, Totò Cuffaro, accusato di corruzione aggravata.
ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X