Mercoledì, 21 Novembre 2018

Rosanero svagati, regalo al Carpi

PALERMO. Una giornata di maggio (un pò pazzerello) con la tipica partita di fine campionato. Soprattutto se di fronte c'è una squadra che ormai ha raggiunto da tempo il suo obiettivo e una che invece ha ancora delle residue speranze di play-off. In questo caso a non aver più nulla da chiedere a questa serie B è il Palermo, già promosso in serie A, che si è preso un pomeriggio di quasi riposo, facendosi battere al Renzo Barbera da un Carpi desideroso di tentare la scalata, difficile ma possibile, ai play-off per la massima serie. Ne è venuta fuori una partita comunque non brutta, con il Palermo che nonostante tutto ha sbagliato un'infinità di palle gol davanti al portiere avversario, con gli ospiti che sono stati bravi a sfruttare al meglio le occasioni, approfittando soprattutto della superiorità numerica dopo l'espulsione di Vazquez. Carpi che comunque si era immediatamente portato in vantaggio al secondo minuto del primo tempo con un rigore di Mbakogu, chiudendosi poi bene in difesa, respingendo le folate offensive del Palermo. Dybala poi aveva l'occasione di pareggiare i conti, anche lui dal dischetto, ma il piccolo attaccante falliva l'appuntamento con il gol. Bolzoni invece, entrato da poco, non falliva proprio nulla e metteva dentro di testa un cross dalla sinistra. Al 47' l'espulsione di Vazquez, e qui la partita è inesorabilmente cambiata, anche se non troppo. La squadra di Iachini ha continuato ad attaccare ma a vuoto, il Carpi invece con Pasciuti ha centrato il gol vittoria. Il record di punti, per il Palermo, può aspettare le prossime due partite.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X