Martedì, 13 Novembre 2018

Super stipendi, deputati contro alti burocrati

Tagli alla spesa, oggi si vota la proposta del Pd per portare i compensi dei manager sotto i 200 mila euro annui. Ruggirello (Articolo 4) all’attacco: «Vogliamo conoscere l’indennità dei dirigenti». L’Ars però non pubblica i compensi

PALERMO. E ora all’Ars va in scena lo scontro fra deputati e alti burocrati. Ultimo atto di una spending review che fatica a far breccia nelle antiche mura: gli onorevoli colpiti dai tagli agli stipendi chiedono di ridurre i compensi e le pensioni d’oro dei dirigenti. Si deciderà oggi, quando all’ordine del giorno arriverà una proposta del Pd che prevede di riportare tutto sotto i 200 mila euro lordi annui. L’Ars, a differenza di quanto fa la Regione, non pubblica i compensi dei dirigenti. Sono note solo alcune fasce di reddito che rendono ugualmente l’idea - per dirla con le parole di Crocetta - di dirigenti che guadagnano più di un deputato. Il segretario parlamentare, il top della carriera amministrativa, guadagna 12.008 euro netti al mese (per quindici mensilità) cioè 180.120 euro netti all’anno. Ma, per stessa ammissione dell’Ars, la cifra non tiene conto degli scatti successivi al ventesimo anno di servizio.
SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA LA VERSIONE INTEGRALE DELL’ARTICOLO

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X