Sabato, 22 Settembre 2018

Strage Rapido 904, il gup: "Riina non sta bene"

FIRENZE. È iniziata stamani nell'aula Bunker a Firenze l'udienza preliminare per l'inchiesta sulla strage del rapido 904, che il 23 dicembre del 1984 provocò 16 morti. Unico imputato è il boss Totò Riina, accusato di essere il «mandante determinatore e istigatore»  dell'attentato. Il boss può partecipare all'udienza in video collegamento. Prima dell'inizio della seduta, il difensore di Riina, l'avvocato Luca Cianferoni, parlando con i giornalisti ha detto che: «Totò Riina non sta bene. La linea è quella della riservatezza e intendo mantenerla, ma posso assicurare che di salute non sta affatto bene». Per la 'strage di Natalè in passato sono già stati condannati il mafioso Pippo Calò, i suoi aiutanti Guido Cercola e Franco Di Agostino e l'artificiere tedesco Friedrich Schaudinn. Il tribunale di Firenze ha già fissato una seconda udienza per Totò Riina davanti al gup per il 17 giugno.
«Riina sta facendo il parafulmine d'Italia di tutto quello che si può immaginare - ha aggiunto
Cianferoni - credo che la giustizia dovrebbe sì andare a fondo anche a distanza di tanti anni su fatti così gravi, nel rispetto soprattutto delle vittime, ma anche chiedersi, prima di andare
dietro alle parole di un pentito che parla dopo tanti anni, se non ci sia un interesse  personale».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X