Martedì, 20 Novembre 2018

Obbligo per i Comuni: soldi alle imprese, poi ai precari

PALERMO. Stop alle stabilizzazioni dei precari in tutti i Comuni che pagheranno in ritardo i nuovi debiti verso le imprese. A rischio anche, o soprattutto, le proroghe per gran parte dei circa 20 mila contrattisti. Il decreto Renzi sul cuneo fiscale, quello che permetterà di avere in busta paga 80 euro in più al mese, fissa un paletto che per la maggior parte degli enti locali siciliani sarà quasi invalicabile, almeno a sentire i sindaci: pagare regolarmente appalti e forniture entro 60 giorni e saldare l’arretrato che fa riferimento al 2013 entro i prossimi due mesi. Se ciò non avverrà, scatterà lo stop a qualsiasi tipo di assunzioni sia a tempo indeterminato che determinato.
Il principio guida della manovra Renzi è che i debiti verso le imprese vanno pagati con regolarità ed entro i limiti previsti dall’Ue (due mesi).


UN SERVIZIO NELLE PAGINE DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X