Domenica, 18 Novembre 2018

Debiti con le imprese, l'Ars approva la legge Sì al mutuo da un miliardo

Sicilia, Politica

PALERMO. Approvata la legge, via libera al prestito da quasi un miliardo con cui la Regione pagherà i debiti verso le imprese.  Su 68 deputati presenti sono arrivati 42 voti a favore, 16 contrari (quasi interamente dei grillini) e 10 astenuti.

Il Crocetta bis supera la prima prova del voto all’Ars ma al termine di una giornata di forti contestazioni da parte dell’area cuperliana del Pd e approfittando anche della linea morbida assunta da Forza Italia e Nuovo Centrodestra che si sono astenuti (invece di votare contro) pur non condividendo la norma. In ogni caso la nuova magioranza di Crocetta ha tenuto.
Il maxi prestito, concesso dallo Stato, verrà restituito in 30 anni. La norma prevede che per i primi tre anni (da quello in corso fino a tutto il 2016) per far fronte alle rate di restituzione, che valgono 47 milioni annui, si sfrutterà il gettito dell’addizionale regionale Irpef e dell’Irap. Imposte che in Sicilia dal 2006 si pagano a livelli record in Italia per far fronte al buco nella sanità e che, secondo gli annunci, dovevano essere ridotte dal prossimo anno. Invece resteranno ai livelli massimi fino al 2017.

Il prestito verrà contratto a un tasso del 2,7%: 600 milioni andranno alle aziende che hanno lavorato pe Asp e ospedali, il resto andrà diviso fra i creditori di Regione e Comuni.
E grazie all’immissione nel circuito economico di questo miliardo la Regione incasserà oltre 40 milioni di Iva, che però verranno quasi interamente utilizzati per coprire il buco di bilancio di Riscossione Sicilia.


"Ringrazio il Parlamento, considero il via libera al ddl 'salva-impresa' ne un voto a favore ne un voto contro il governo, ma per salvare la Sicilia". L'ha detto il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta.

"Il voto dell'Assemblea al ddl pagamenti ha salvato le imprese e il bilancio della Regione, ci dispiace per i pochi che non hanno capito la portata del provvedimento. Con questa legge la Sicilia si allinea alle direttive nazionali e comunitarie. I profeti delle sciagure non hanno avuto ragione", ha aggiunto il governatore. "Questo provvedimento migliora ulteriormente i conti della Regione - aggiunge Crocetta - favorisce lo sviluppo delle imprese alcune delle quali non venivano pagate da tre anni, e mette in circolo denaro". Per Crocetta il voto trasversale al ddl "dimostra che bisogna sempre trovare convergenze in aula su atti concreti". "Adesso bisogna varare le variazioni di bilancio e il ddl sviluppo cui stiamo lavorando oltre al testo unico delle attività produttive", conclude

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X