Domenica, 23 Settembre 2018

Rimpasto, Udc minaccia di uscire dal governo

Sicilia, Politica

PALERMO. L’Udc minaccia di uscire dal governo. Nel corso del primo round del vertice di maggioranza andato in scena a Palazzo d’Orleans, il presidente Crocetta avrebbe confermato l’intenzione di dare spazio in giunta a Drs e Articolo 4. Ciò provocherebbe la perdita di almeno un assessore da parte dell’Udc.
E il leader Gianpiero D’Alia, in attesa del nuovo incontro di stasera, va subito all’attacco: «Non mi pare che allo stato ci siano le condizioni che consentano la partecipazione dell’Udc al governo Crocetta, se si vuole snaturare l’accordo elettorale tra noi e il centrosinistra per un governo del cambiamento e delle riforme, preferendo la nascita di qualcosa di diverso che somiglia più al vecchio governo di Raffaele Lombardo. Per questo – conclude – penso sia necessario a fine settimana convocare il comitato regionale del partito e il gruppo parlamentare all’Ars, così da assumere decisioni definitive al riguardo e nell’interesse dei siciliani».


VULLO, PD, "PERICOLOSO COMMISSARIAMENTO DEL GOVERNO". Non è condivisibile l'idea di tenere i deputati fuori dal governo regionale. Trovo invece corretto ed anzi necessario che sui parlamentari da nominare come assessori del governo Crocetta si compiano scelte che tengano conto del passato e della credibilità di ciascuno degli eletti, poiché non c'è alcun dubbio che anche all'Ars siede chi è stato protagonista di storie non limpide, ma sarebbe un grave errore che la mancanza di coraggio nell'indicare questi per nome e cognome diventi un veto indiscriminato e sommario che finirebbe per colpire invece proprio coloro che hanno corso rischi per le scelte nette e forti in favore del recupero dei principi di legalità. Il governo regionale con la presenza di parlamentari deve mirare a riprendere il rapporto di fiducia con i cittadini. Logiche diverse portano ad un pericoloso commissariamento dell'azione di governo di volta in volta affidato a terzi non eletti. Confido che il Presidente Crocetta vorrà dare il suo contributo alla rifondazione del rapporto di fiducia con i cittadini facendo del momento politico attuale un'occasione di ulteriore rafforzamento dell'azione del suo governo". Lo afferma il renziano Gianfranco Vullo, deputato regionale del Partito Democratico all'Ars.

PARLAMENTARI IN GIUNTA? NO DI CROCETTA. "Deputati in giunta? I parlamentari sono figli di un dio maggiore. Sono stati eletti per fare i deputati e non per fare gli assessori". Così il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, conversando con i cronisti a Palazzo dei Normanni, dove è giunto per partecipare alla commissione Bilancio dell'Ars per l'esame del ddl pagamenti. Secondo Crocetta un eventuale ingresso in giunta di parlamentari "creerebbe non pochi problemi, dato che si è in campagna elettorale per le europee e un deputato, come è ovvio, rappresenta il territorio": E poi, aggiunge il governatore "un assessore lavora almeno 14 ore al giorno, come farebbe un parlamentare a conciliare la sua attività politica con quella di assessore?".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X