Domenica, 18 Novembre 2018

Polizia, chiusura presidi: protesta Siulp di Palermo

PALERMO.  «Vergognosa e fuori da qualsiasi logica la notizia che a breve anche importanti presidi di Palermo verranno chiusi. I tagli proposti dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza per reperire fondi economici andranno a discapito della sicurezza dei cittadini». Così Giovanni Assenzio, segretario del Siulp di Palermo, commenta le procedure messe in atto dal Dipartimento sull'intero territorio nazionale e che presto avranno i suoi effetti anche nel capoluogo siciliano. Il provvedimento dovrebbe riguardare la Squadra a mare e la Squadra a cavallo.    
«Non possiamo e non vogliamo condividere questa scelta - prosegue Assenzio - i nostri sono reparti specializzati impegnati ogni giorno sul fronte della criminalità organizzata. La chiusura dei presidi produrrà effetti devastanti che porterà inevitabilmente ad incremento dei reati predatori. Siamo pronti ad ulteriori e più incisive proteste pur di difendere la sicurezza di Palermo e dei suoi abitanti».   
La scure del Governo sul Dipartimento, in questi ultimi anni, ha decimato le Forze dell'ordine, sono quattro i miliardi in meno nelle casse dell'intero Comparto di sicurezza, con il conseguente blocco di nuove assunzioni. Una carenza di personale che si aggira sulle sedicimila unità e che molto presto potrebbe aumentare fino a raggiungere la quota di ventiquattromila.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X