Venerdì, 20 Aprile 2018

Formazione, il giallo degli stipendi Scilabra: subito nuove ispezioni

Sicilia, Politica

PALERMO. La Regione dice di aver pagato gli enti di formazione professionale, loro rispondono di non aver ricevuto e quindi di non poter pagare gli stipendi dei dipendenti. Intanto l’assessore Nelli Scilabra, ospite questa mattina a Ditelo a Rgs, annuncia nuove ispezioni a tappeto in tutti gli enti siciliani per capire come stanno realmente le cose.
Il Giornale di Sicilia, qualche giorno fa, aveva chiesto, attraverso un fondo, chiarezza. L’assessore Scilabra aveva promesso delle verifiche. Nel frattempo le storie di formazione, ma soprattutto di disperazione sono sempre di più. Come i gesti estremi che molti dipendenti arrivano a compiere, le cronache ci hanno raccontato di tutto in questi mesi.
Se ne è parlato a Ditelo a Rgs che ha accolto, tra le altre, la testimonianza di Rosario, dipendente del Cefop licenziato poi riassunto e ora di nuovo senza lavoro: “Due mie colleghe sono arrivate a scendere a compromessi per sopravvivere, una collega abortirà perché disperata”.
A Ditelo a Rgs anche Angela Brancato: “Sono la moglie di un dipendente della formazione esattamente dello Ial Sicilia volevo denunciare lo stato di degrado che Crocetta e la Scilabra ci hanno lasciato, quasi un anno senza stipendio. Lo Ial non paga perché la Regione non finanzia, noi tutti siamo disperati pronti a qualche gesto inconsulto”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X