Via a prepensionamenti e tagli All’Ars arriva la finanziaria

Pronto il testo: 800 dipendenti potranno lasciare il posto in anticipo e non verranno sostituiti. Altri 100 milioni in meno per la Sanità. Inizia l’iter della legge con il salvagente per i precari. E ci sono norme per il reddito minimo e aiuti alle coppie di fatto

PALERMO. C’è il blocco della riforma Fornero alla Regione che permette i prepensionamenti, un taglio da 100 milioni alle spese di Asp e ospedali per beni e servizi e un mutuo da 60 milioni per i Comuni. Eccolo il testo della Finanziaria, 50 articoli arrivati all’Ars ieri sera e da approvare entro il 31 dicembre anche per garantire il finanziamento della (collegata) legge sui precari. La norma sui pensionamenti prevede di applicare dal 2014 a tutto il 2016 le regole in vigore prima della riforma Fornero: si potrà quindi lasciare gli uffici con 65 anni di età (invece di 66 e 3 mesi) e 40 di servizio invece che 42. Si potrà anche andare in prepensionamento se la somma fra i due valori fa 97: calcolo che permette la quiescenza con un minimo di 61 anni e 36 di servizio. Alla Regione stanno facendo i calcoli ma l’assessore Patrizia Valenti si dice certa che circa 800 dipendenti potranno andare in pensione. I prepensionati non verranno sostituiti e le piante organiche verranno ridotte per consolidare i risparmi sul costo del personale. Chi andrà in prepensionamento riceverà la liquidazione con un anno di ritardo rispetto ai due che è necessario attendere con le attuali regole.

SICILIA E SERVIZI NON CHIUDERÀ. La data del 23 dicembre non segnerà la fine della società che gestisce tutti i software della Regione. Dovrebbe essere evitato anche il licenziamento dei 76 dipendenti del socio privato. Lo prevede una norma della Finanziaria che di fatto riscrive la riforma delle società partecipate. Rispetto alle previsioni ne resteranno in vita due in più, 9 in totale: Sicilia e Servizi, Azienda siciliana trasporti, Sas-Servizi ausiliari, Riscossione Sicilia, Irfis, Sviluppo Italia Sicilia, Siciliacque, Parco scientifico e Seus-118.
SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA I DETTAGLI DELLA MANOVRA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati