Litiga con la moglie e tenta di gettare il figlio dal balcone, arrestato a Gela

Sicilia, Archivio

GELA. Un disoccupato di 50 anni, di origine romena, dopo una lite con la moglie, ha tentato di gettare il figlioletto di appena due anni dal balcone della loro abitazione. Solo l’intervento della polizia ha scongiurato il peggio. L’uomo, è stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. E’ stata la moglie del romeno, a chiedere l’intervento degli agenti del commissariato di Gela. I poliziotti sono riusciti ad entrare nell’appartamento dopo diversi tentativi. La porta era stata chiusa a chiave dall’interno e questo ha reso complicato, in un primo momento, il tentativo di entrare nell’abitazione  in cui l’uomo si era barricato. Solo dopo una difficile trattativa, i poliziotti sono riusciti ad entrare. L’uomo sembrava ubriaco, ed il figlio ancora scosso era stato poggiato sul letto. L’abitazione era priva di illuminazione ed in condizioni igienico - sanitarie precarie. La donna ha denunciato ai poliziotti di essere stata picchiata dal convivente. Ha raccontato di aver subito minacce, ingiurie e lesioni. In un’occasione, il marito le avrebbe puntato un coltello alla gola, in un altro caso avrebbe tentato di colpirla con una chiave da meccanico. La donna, ha riferito agli agenti, di essere stata anche colpita alla testa, appena qualche giorno fa, con una caffettiera.  Fino ad oggi la donna non aveva denunciato le violenze subite per paura di ritorsioni da parte del coniuge.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati