Mafia, indagini su Schifani: il gip le proroga di altri due mesi

Sicilia, Cronaca

PALERMO. Il gip di Palermo Piergiorgio Morosini ha concesso altri due mesi alla Procura per completare le indagini sul senatore del Nuovo Centrodestra Renato Schifani. Il giudice aveva respinto l'iniziale richiesta di archiviazione dell'inchiesta per concorso esterno fatta dai pm e, dopo avere fissato un'udienza in cui aveva sentito le parti, aveva dato loro quattro mesi per ulteriori approfondimenti.  Il termine indicato da Morosini è scaduto e la Procura ha chiesto altri due mesi per approfondire alcuni aspetti che sarebbero emersi proprio dagli accertamenti disposti su segnalazione del gip. A luglio, infatti, Morosini aveva sottolineato la necessità di sentire una serie di pentiti, oltre a quelli già ascoltati dalla Procura: Tullio Cannella, Giovanni Drago e Innocenzo Lo Sicco che avrebbero dovuto rispondere sulle presunte relazioni tra l'ex presidente del senato e la famiglia mafiosa di Brancaccio. Mentre Nino Giuffrè, Mario Cusimano e Salvatore Lanzalaco dovevano essere interrogati sulle presunte relazioni tra Schifani e il boss di Villabate Nino Mandalà.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati