Sicilia, tre zone sono a rischio-alluvione

Audizione in Senato per Maurizio Croce, commissario straordinario dell'«Accordo di programma quadro per la mitigazione del rischio idrogeologico in Sicilia»

PALERMO. Sicilia a rischio idrogeologico, con tre macroaree cerchiate in rosso nella mappa dei timori di frane e alluvioni, nel ricordo degli incubi di Giampilieri, Barcellona Pozzo di Gotto, San Fratello: l'intero Messinese, la valle del Salso nell'Agrigentino, fra Licata e comuni limitrofi, e il bacino fluviale del Simeto, in provincia di Catania. Lo dice il dirigente della Protezione civile regionale, Calogero Foti. Tappa obbligata della corsa contro il tempo, quello che ha ucciso e devastato in Sardegna e quello delle lancette della prevenzione, ieri pomeriggio l'audizione in Senato di Maurizio Croce, commissario straordinario dell'«Accordo di programma quadro per la mitigazione del rischio idrogeologico in Sicilia» cofinanziato da governo e Regione con le firme di Ministero dell'Ambiente e dipartimenti di Protezione civile nazionale e regionale.
UN SERVIZIO SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati