Studenti pendolari in rivolta a Riesi: "Dateci i rimborsi dei pullman"

RIESI. Sit – in di protesta degli studenti pendolari, ieri mattina, dinanzi il palazzo comunale. I ragazzi che frequentano l’Istituto d’istruzione superiore “Carafa” di Mazzarino hanno manifestato per reclamare il rimborso delle spese relative al trasporto extraurbano (15 giorni di settembre e mese di ottobre) anticipate dai genitori. Un acconto che molte famiglie non riescono più a garantire. Soprattutto quelle che devono sostenere le spese per due figli, iscritti in istituti superiori. Una delegazione di studenti è stata ricevuta dal vice sindaco e assessore alla Pubblica istruzione Salvatore Sardella che ha assicurato nel più breve tempo possibile la liquidazione delle spettanze.
”I dipendenti degli uffici preposti stanno effettuando una ricognizione – spiega Sardella - per accertare le presenze a scuola e gli abbonamenti. Al più presto il Comune provvederà a saldare i rimborsi ed a verificare il risparmio reale che ha avuto l’Ente”. Il Comune, da quest’anno, provvederà a rimborsare le spese viaggio, anticipate dalle famiglie degli studenti, relative agli effettivi giorni di presenza alle lezioni registrate dagli istituti scolastici frequentati. Un metodo che consentirà all’Ente di risparmiare risorse economiche.
Il consigliere di “Insieme per Riesi” Giuseppe Baglio consiglia all’amministrazione di eseguire una ricognizione settimanale per aiutare i genitori che versano in difficoltà economiche. “La maggior parte delle famiglie opta per l’abbonamento settimanale rispetto a quello giornaliero che è più costoso – evidenzia Baglio -. Il controllo a tappeto su tutti gli studenti richiederà certamente un altro mese e comporterà un aumento notevole delle spese a carico delle famiglie. Pertanto, suggerisco all’amministrazione di programmare un resoconto settimanale per rimborsare le spese relative agli abbonamenti nei tempi previsti e alleviare così i disagi di molte famiglie che già dalla seconda settimana del mese non riescono a pagare anticipatamente gli abbonamenti”.
Stamattina alcuni genitori che non avevano ancora presentato gli abbonamenti per usufruire del rimborso, si sono recati negli uffici comunali per consegnarli ai dipendenti. Sono 272 gli studenti riesini che frequentano gli istituti d’istruzione superiore di altri centri limitrofi. Prossimamente il Comune e le scuole effettueranno anche dei controlli incrociati sulle assenze ingiustificate degli studenti, che verranno segnalate prontamente all’Osservatorio interistituzionale per la prevenzione della dispersione scolastica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati