Mafia, per clan di Palermo chieste pene di 400 anni

 PALERMO.  Circa 400 anni di carcere sono stati richiesti dai pm Amelia Luise e Annamaria Picozzi per 32 imputati del processo Addiopizzo 5, nato dalle indagini sulle estorsioni a tappeto praticate dal clan mafioso capeggiato da Salvatore e Sandro Lo Piccolo. Per i due boss i magistrati hanno chiesto, alla quarta sezione del Tribunale di Palermo, la condanna più alta (21 anni). Gli imputati sono accusati a vario titolo di associazione mafiosa ed estorsione.     Queste le altre richieste: 10 anni per Michele Acquisto, 15 anni e 6 mesi per Salvatore Baucina, 10 anni per Mario Biondo, 20 anni per Pietro Bruno, 3 anni per il collaboratore Francesco Briguglio, 15 anni per Domenico Ciaramitaro, 18 anni per Pietro Cinà, 7 anni per Giovanni Corrao, 8 anni per Anello Cusimano, 10 anni per Nocolò Cusimano, 16 anni per Salvatore D'Anna, 15 anni per Giuseppe Di Bella, 15 anni per Giuseppe Di Maggio, 10 anni per Lorenzo Di Maggio, 15 anni per Procopio Di Maggio, 18 anni per Francesco Paolo Di Piazza, 10 anni per Fabio Daricca, 6 anni per Giuseppe Enea, 6 anni per Alberto Evola, 9 anni per Salvatore Liga, 12 anni per Giuseppe Lo Cascio, 6 anni per Isidoro Lo Cascio, 15 anni per Filippo Lo Piccolo, 10 anni per Giuseppe Messina, 6 anni per Giuseppe Nicoletti, 12 anni per Vito Mario Palazzolo, 9 anni per Salvatore Randazzo, 18 anni per Nunzio Serio, 15 anni per Guido Spina e Felisiano Tognetti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati