Nuove tensioni in maggioranza, Brunetta: "Bindi si dimetta o guerriglia"

ROMA. Nella riunione di maggioranza, Renato Brunetta, a quanto riferiscono fonti parlamentari, ha minacciato la guerriglia se Rosy Bindi non lascia la presidenza dell'Antimafia.
«In Antimafia è successo uno strappo intollerabile, gli strappi hanno dei costi. Chi ha fatto lo strappo rifletta e su questo il Pdl è unito come un sol uomo». Così, al termine della riunione di maggioranza, Renato Brunetta afferma che il Pdl ostacolerà l'attività di governo e Parlamento finchè Bindi non si dimette: «Gli strappi hanno dei costi, e su questo siamo uniti come un sol uomo, la Bindi fa miracoli».    
Quanto al decreto Pa, motivo per cui la riunione di maggioranza era stata convocata, l'ex ministro ribadisce le sue critiche: «Non dico nulla per ragioni storiche ma è l'esatto contrario della mia riforma e quindi il giudizio non è positivo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati