Caltanissetta, porte «aperte» al pronto soccorso: chiesta una maggiore vigilanza

I vigilantes sono in servizio solo nelle ore diurne e i problemi maggiori si verificano, invece, la notte

Sicilia, Archivio

CALTANISSETTA. Momenti di tensione lunedì sera al pronto soccorso. Medici e infermieri si sono trovati quasi «sotto assedio» con un’utenza che superava le cinquanta presenze. File lunghissime e una serie di codici «rossi» e «gialli» (quindi attese superiori e motivate) che hanno fatto andare in escandescenze chi aspettava da ore, tanto che ad un certo punto sarebbero cominciate anche le aggressioni verbali all’indirizzo dell’infermiere del triage. Lo stesso, stanco di subire le pressanti lamentele e richieste, alla fine ha ceduto accusando un malore e uno stato di agitazione, certificato poi dai medici di turno come «stress emotivo».

IL SERVIZIO NELL’EDIZIONE DI CALTANISSETTA DEL GIORNALE DI SICILIA DI OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati