Messina, tentò di uccidere i vicini: pena patteggiata

MESSINA. Un commerciante messinese Giuseppe Durante, 56 anni e il suo dipendente Massimo De Simone, 44, accusati di tentativo di omicidio, hanno patteggiato oggi davanti al Gup di Messina rispettivamente 5 e 4 anni di reclusione. Durante decise di vendicarsi dei vicini con i quali aveva spesso degli screzi e chiese al suo dipendente, De Simone di
aiutarlo. Il pomeriggio del 20 dicembre scorso i due, a bordo di una Fiat Punto, inseguirono un Suv BMW sul quale si trovavano tre membri della famiglia dei vicini e spararono. I proiettili non colpirono i passeggeri ma finirono sulla carrozzeria dell'auto. Alla guida della BMW c'era una donna di 20 anni, accanto a lei la suocera di 50 anni con il bambino di un anno. In seguito il 23 dicembre qualcuno incendiò il furgone di Durante parcheggiato nei pressi del suo negozio di bombole in viale Regina Margherita.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati