Caltanissetta, azzerato il Pid al Comune: 3 consiglieri vengono espulsi

CALTANISSETTA. Il Pid-Cantiere Popolare non ha più rappresentanti in consiglio comunale. Per i tre che componevano il gruppo Giuseppe Territo, Calogero Rinaldi e Giorgio Middione, è scattato il cartellino rosso a conclusione di una tormentata fase politica. A sventolarlo i segretari comunale e regionale del partito Aldo Giarratano e Raimondo Maira per i quali i comportamenti degli stessi sarebbero dettati più da risentimenti personali che da motivazioni politiche. «Dalla mancata rielezioni a presidente del consiglio di Territo - hanno rilevato Giarratano e Maira - che forse si aspettava un esito diverso, i rapporti politici con il sindaco si sono complicati, certamente anche per i comportamenti del sindaco, e comunque si è andati avanti in un consiglio comunale peraltro sempre più trasformato dalle cangianti appartenenze politiche. Da qualche tempo le posizioni politiche e le decisioni in consiglio comunale dei tre consiglieri del Pid si articolano in totale autonomia dal partito. Questo per il Pid non è accettabile. L'accordo politico con il Pdl e il sindaco, seppure con incomprensioni, ha visto nascere - hanno ribadito - questa amministrazione e, per quello che riguarda il Pid, vale sino alla scadenza dell'attuale consiliatura e ciò perchè la politica dovrebbe essere, e per noi lo è, regolata da serietà e lealtà di comportamenti che riteniamo appartengano anche al sindaco al Pdl». La replica di Territo non si è fatta attendere: «Abbiamo tenuto in piedi il gruppo consiliare senza chiedere in cambio poltrone o altro. Abbiamo solo avanzato richiesta di verifica con il Pdl per il rilancio dell'attività amministrativa ma abbiamo appreso di non avere ruolo di appartenenza politica al Pid. Formeremo un gruppo misto».
Il Pid non ha più consiglieri a Palazzo del Carmine (il quarto Massimiliano Turco sembra vicino al Pd) ma per i tre espulsi suonano le sirene dell'Udc. «Prendiamo con favore atto - ha scritto il segretario cittadino Felice Dierna - che anche tre consiglieri della maggioranza, nelle persone di Territo, Middione e Rinaldi, hanno dovuto ammettere l'inadeguatezza dell'azione del'amministrazione del sindaco nell'affrontare i gravi problemi della città. La critiche mosse dai tre consiglieri - ha rilevato Dierna - sono coincidenti con le nostre posizioni di gruppo d'opposizione e proprio nei giorni scorsi Territo ha espresso il suo punto di vista, facendo un forte appello ai moderati che militano nei diversi partiti affinchè possa nascere un nuovo partito di centro che guardi in prospettiva al Partito Popolare Europeo. Proprio in questa direzione i sta muovendo l'Udc».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati