Sicilia, Tempo libero

Rondini e rondoni migratori: Sicilia regina degli avvistamenti

Il progetto della Lipu sugli spostamenti primaverili degli uccelli. L’Isola è tra le prime tre regioni d’Italia per segnalazioni dei cittadini

PALERMO. Concluso il censimento 2013 delle migrazioni primaverili di volatili, curato in Italia dalla Lipu. La Sicilia è una delle tre regioni con il maggior numero di avvistamenti di rondini e rondoni migratori. Siracusa, la città italiana più partecipativa nel birdwatching.
Si chiama «Spring Alive» ed è un progetto di raccolta dati sulle migrazioni stagionali di cinque specie di uccelli: rondini, rondoni, cicogne, cuculi e gruccioni. Basato sul birdwatching, cioè sugli avvistamenti di esemplari, il censimento si fonda sulle segnalazioni registrate direttamente dai cittadini, ai quali veniva chiesto di inserire i primi esemplari migranti osservati nel portale dedicato www.springalive.net. Tra le regioni che hanno registrato il maggior numero di migrazioni, c'è proprio la Sicilia, dove sono stati registrati 9031 avvistamenti. Le specie più diffuse sono rondini, quasi 5 mila le osservazioni, e rondoni, poco più di 4 mila. Molto più rare invece le altre specie: 43 gli avvistamenti di cicogna bianca, 58 quelli di gruccione e solo 4 quelli di cuculo.
«Spring Alive - spiega Livia Speranza, collaboratrice del Settore Educazione della Lipu - si svolge da febbraio a giugno in diversi Paesi europei. È uno studio non scientifico, ma un esempio della cosiddetta citizens science, una ricerca che si basa sul coinvolgimento dei cittadini. Tutti infatti potevano inserire il primo avvistamento per specie e per luogo. Attraverso questi dati, i ricercatori di BrirdLife hanno la possibilità di studiare il fenomeno delle migrazioni, sulla base del periodo di arrivo e dei luoghi attraversati. Allo stesso tempo, Spring Alive funziona anche come strumento di sensibilizzazione e di educazione ambientale, diffondendo proprio ai cittadini informazioni sulle specie, la capacità di riconoscerne gli esemplari e la presenza nel territorio».
E se la Sicilia è nelle prime tre regioni italiane, Siracusa è la provincia italiana più partecipativa per numero di osservatori ed esemplari avvistati. Solo dalla Riserva Naturale Saline di Priolo, infatti, sono arrivati circa 8 mila avvistamenti: 4500 rondini, 3700 rondoni e circa 40 gruccioni; mentre di cuculi e cicogne non ci sono stati avvistamenti. «Diversi i ragazzi coinvolti nel progetto - racconta Fabio Cilea, direttore della Riserva naturale - perché al birdwatching si è accostata anche un'intensa attività di educazione ambientale. Segnali importanti in una zona a rischio come quella di Priolo. È come dare una speranza al territorio: la natura che si riprende i suoi spazi». Il progetto, conclusosi in tutta Europa a giugno, finita la stagione primaverile, a settembre, si sposterà in Africa, dove questi esemplari migrano verso gli stati centrali per svernare. «Attraverso gli avvistamenti della popolazione si riescono a costruire delle vere e proprie mappe di migrazioni, che si possono in seguito confrontare e paragonare negli anni, per studiarne le dinamiche», conclude Lidia Speranza. Di prezioso aiuto nella diffusione del progetto, infine, è stata la community creata su Facebook, dedicata proprio alla migrazione primaverile e a Spring Alive.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati