Gela, sette imputati per il crollo del viadotto "Geremia II"

GELA. Davanti al gup del tribunale di Gela, Lirio Conti, è iniziata oggi l'udienza preliminare per decidere il proscioglimento o il rinvio a giudizio di sette persone imputate per il crollo di una campata del viadotto "Geremia II" della strada statale 626 Caltanissetta-Gela, in territorio di Butera, avvenuto il 28 maggio del 2009, appena tre anni dopo l'inaugurazione. Sono Luca Rizzi e Goffredo Polisanti, amministratori delegati in successione dell'impresa Rizzi di Rovigo, costruttrice del viadotto, il direttore tecnico della stessa ditta, Luca Manfredini, i geometri contabili Aldo Afeltra e Bruno Flore, il direttore dei lavori, Francesco Lombardo dell'Anas di Palermo, e Corrado Ciolli, componente tecnico della commissione di collaudo.

La pubblica accusa, rappresentata dal "sostituto procuratore, Elisa Calandrucci, li chiama a rispondere di disastro colposo e di lesioni colpose gravi, in concorso tra loro. L'Anas si è costituita parte civile. Il viadotto "Geremia II" ebbe un primo cedimento strutturale il 21 maggio 2009, creando un gradino di 50 cm contro cui finirono un poliziotto in sella alla sua moto e l'automobile di un autista da noleggio che stava accompagnando a Palermo una donna con i suoi due figli. Rimasero tutti feriti, e in particolare la passeggera che subì la frattura scomposta delle vertebre cervicali. Il gup ha aggiornato l'udienza al 4 luglio prossimo, essendosi riservato di esaminare la richiesta di rito abbreviato per gli imputati Flore e Afeltra, avanzata dal loro avvocato difensore, Giacomo Ventura.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati