Pd in Sicilia, nasce “Nuovo corso”

PALERMO. Nasce in Sicilia "Nuovo corso Pd" per iniziativa di alcuni parlamentari, ex parlamentari, amministratori e dirigenti del Partito democratico, che hanno tenuto a Enna un incontro e deciso di promuovere una iniziativa politica e culturale, denominata, appunto, "Nuovo corso Pd", con l'obiettivo di riorganizzare il partito e realizzare una nuova stagione di impegno politico nell'Isola.    
Nelle prossime settimane si terrà la prima iniziativa pubblica aperta agli elettori e ai militanti, "per aprire una fase di necessari cambiamenti nel partito - spiega una nota - e per inaugurare un nuovo corso anche nel governo della Regione. In questa direzione il gruppo promotore ritiene urgente ed indifferibile l'avvio della fase congressuale del Pd in Sicilia e la convocazione degli organismi decisionali".

CROCETTA ALL’INCONTRO. Riunioni politiche più frequenti, maggiore condivisione delle iniziative legislative e un nuovo metodo di lavoro con rapporti più stretti tra gli assessori e il gruppo parlamentare. E' la sterzata che il governatore Rosario Crocetta e il Pd provano a dare all'azione della maggioranza. Se ne è discusso nel corso del vertice di ieri nella sede del gruppo del Pd all'Assemblea regionale, durato oltre cinque ore e terminato poco prima della mezzanotte. Un incontro "franco e produttivo" commenta il deputato Fabrizio Ferrandelli, e a tratti "carico di tensione", aggiunge.    
Il clima s'é acceso quando l'ex capogruppo Antonello Cracolici, rivolgendosi al governatore e ai deputati presenti (alcuni non hanno partecipato), ha affermato: "Si può pensare che il presidente della Regione possa affrontare da solo la complessità dei problemi della Sicilia?". E poi: "Come si può credere di affrontare quei problemi sminuendo il ruolo dei partiti e nel silenzio imbarazzante del Pd, che è la prima forza della maggioranza ma che in questa fase è come se fosse solo un ospite". Quesiti ai quali Crocetta ha replicato con fermezza, sostenendo che lui non si fa dettare l'agenda e che si sente parte integrante del Pd, che è "il mio partito". Altri momenti di tensione si sono registrati tra Crocetta e il deputato Concetta Raia e quando Ferrandelli ha sostenuto che "il confronto tra governo e Pd doveva partire all'inizio della legislatura" e "invece si sono persi sei mesi", sollecitando "un nuovo corso, a cominciare dalla condivisione dell'azione di governo". Poi Crocetta ha accennato ad alcune iniziative che sta portando avanti, annunciando una decisa riforma della macchina amministrativa, a partire dal ruolo dei dirigenti della Regione. Il governatore, inoltre, avrebbe manifestato stupore per alcuni attacchi della Cgil nei suoi confronti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati