Una soluzione per la Tabella H, la Regione pensa a un ddl

Per non perdere i finanziamenti di quest'anno, dunque, si dovrebbe individuare una soluzione-tampone che tecnicamente potrebbe tradursi in un apposito disegno di legge collegato alle variazioni di Bilancio

Sicilia, Politica

PALERMO. Si è svolta questa mattina in commissione Bilancio all'Ars un'audizione dell'assessore regionale per l'Economia, Luca Bianchi, in merito ai riflessi dell'impugnativa del Commissario dello Stato sulla finanziaria. Si è discusso della tabella H, strumento finora utilizzato per finanziare enti e associazioni che quest'anno è stato cassato dal Commissario. Una possibile soluzione per salvare i contributi sarebbe quella di collocare alcuni enti e associazioni nei diversi capitoli di spesa assegnati agli assessorati di riferimento. Una strada, questa, che sarebbe stata accolta favorevolmente dall'assessorato all'Economia, ma che potrebbe entrare a regime solo dalla manovra 2014. Per non perdere i finanziamenti di quest'anno, dunque, si dovrebbe individuare una soluzione-tampone che tecnicamente potrebbe tradursi in un apposito disegno di legge collegato alle variazioni di Bilancio: il contributo totale degli enti della tabella H era di circa 24 milioni di euro su una manovra complessiva da 25 miliardi di euro. «Abbiamo invitato gli assessori a predisporre istruttorie sugli enti interessati - dice Nino Dina, presidente della commissione Bilancio - quindi ci sarà una valutazione degli uffici dell'Ars. L'iter parlamentare dovrebbe comunque essere completato entro la sessione estiva, entro luglio».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati