Arbitro severo, ma Donati ingenuo

Ieri tutto secondo copione: il Toro ha perso a Milano, il Genoa ha vinto largamente con il Pescara, la Juve ha battuto il Palermo. Se prima dei 90 minuti squadra e tifosi rosanero ci credevano, non c'è motivo oggi per essere depressi o scoraggiati.  Ci sono ancora tre partite, 9 punti in ballo, una salvezza che potrebbe arrivare a 39 punti. Occorre dunque fare sette punti.
I rosa possono solo vincere contro l'Udinese, il Genoa puo' permettersi di pareggiare a Torino. Il nemico dei granata, invece, è la paura che potrebbe subentrare se dovesse perdere con il Genoa.
Per il resto i rosa devono, oltre che fare il proprio dovere,  "gufare" contro i grifoni. Il resto poi si vedrà.
Contro l'Udinese il Palermo non avrà Donati. Il fallo su Vucinic al giocatore è costato l'ammonizione ed essendo in diffida la squalifica. Ma anche l'Udinese perde due difensori importanti: Danilo e Domizzi che saranno squalificati insieme a Pinzi. Se aggiungiamo che per infortunio mancherà anche Lazzari, il Palermo puo' avvicinarsi con più fiducia all'incontro di mercoledì sera.
Sulla partita di ieri poche e sostanziali cose da dire: la Juve era più forte e nessuno poteva pensare di rovinargli la festa ma alcune ingenuità potevano essere evitate.
Prima su tutte la spinta di Donati a Vucinic. Proprio perchè gli arbitri sono severi con i rosa e magnanimi con i bianconeri. L'episodio ha cambiato l'inerzia di una partita dominata dalla Juve ma tutto sommato controllata dal Palermo.
Il resto riguarda la discrezionalità di Sannino: con Nelson in evidente soggezione, forse si poteva giocare la carta Munoz sia spostando Donati a centrocampo, dove Rios non riusciva a far ripartire una sola azione, ma anche mantenendo lo stesso assetto difensivo. Tanto in fase di costruzione Nelson era praticamente nullo.
Andati in svantaggio, poi, aver richiamato Miccoli ed Ilicic, vista l'incidenza del peso piuma Dybala e la condizione di Hernandez, ha cancellato ogni possibilità di recupero.
Ma solo per parlarne. I guasti hanno altri padrini.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati