Legalità. Video su Borsellino, concorso per le scuole

PALERMO. Il Centro studi «Paolo Borsellino» e il Miur lanciano un concorso aperto alle scuole per la produzione di video, film e documentari che si ispirano a «quel fresco profumo di libertà», il leit motiv dell'attività giudiziaria di Paolo Borsellino e del suo lavoro fuori e dentro il Palazzo di Giustizia; un forte richiamo ai valori della conoscenza e della legalità democratica e a quello spirito di libertà che animava il suo impegno e che ogni giorno lo portava a lottare contro il «puzzo del compromesso e della mafia». «Questo concorso è un invito per le scuole che negli anni hanno mostrato interesse, attenzione e sensibilità ai temi della legalità, della lotta alle mafie, della cittadinanza attiva, della pace e dell'intercultura», dice Rita Borsellino, presidente onoraria del Centro studi e sorella del giudice assassinato dalla mafia. Al concorso possono partecipare, divise in due sezioni distinte, tutte le scuole secondarie di primo e secondo grado, statali e paritarie, presenti sul territorio italiano, che abbiano già prodotto o che produrranno video sui temi della educazione alla legalità democratica, della lotta alle mafie, dell'impegno civile e della cittadinanza attiva, della pace, dell'intercultura. Ogni scuola potrà presentare un'opera nuova, realizzata nel 2013 per questo concorso, o con un'opera già realizzata negli anni 2012 e 2011: i dettagli e le
modalità di partecipazione sono contenuti nel bando disponibile alla pagina web del Miur http://www.istruzione.it/ e del Centro studi «Paolo Borsellino» http://centropaoloborsellino.wordpress.com/2013/04/30/i-bando-di-concorso-quel-fresco-profumo-di-liberta/).  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati