Forte sisma in Iran, distrutti tre villaggi

Diverse le scosse, la più potente di magnitudo 6.3. Ancora incerte le stime sulle vittime ma si temono centinaia di morti. Non ci sono danni ad una centrale nucleare vicina all’epicentro del terremoto

TEHERAN. Il sisma di magnitudo 6.3 che ha colpito il sud dell'Iran, non lontano dalla centrale nucleare di Bushehr, «ha causato morti e feriti»: lo riferisce la tv di Stato iraniana senza precisare il numero delle vittime. Intanto, una seconda scossa di magnitudo 5.4 è stata registrata dall'Usgs nella stessa zona. La scossa di terremoto verificatasi oggi in Iran è stata percepita in modo distinto anche in Qatar, penisola sul Golfo persico e in altri Paesi arabi della regione. A Doha, fonti locali ritengono che la scossa sia stata di magnitudo 3.5. Forte preoccupazione fra i residenti della zona di West Bay, a Doha, dove vi sono grattacieli di oltre trenta piani costruiti in una regione non considerata ad alto rischio sismico. Il sisma «non ha interessato la centrale nucleare di Bushehr»: lo riferisce il costruttore russo dell'impianto citato dalle agenzie russe. Una fonte ufficiale iraniana, un «direttore esecutivo» impegnato sul progetto di Bushehr, ha confermato che non vi sono stati danni alla centrale. Lo segnala l'agenzia ufficiale Irna citando l'alto funzionario, Mahmud Jafari. Il sisma ha avuto come epicentro la cittadina di Kaki, situata a più di 150 km da Bushehr, e quindi non vi sono stati problemi per l'impianto, ha sostenuto Jafari.  L'Irna cita l'Istituto di geofisica dell'Università di Teheran per precisare che il terremoto è avvenuto alle 16.22 ora locale (le 13.52 in Italia). Kaki ha una popolazione di 12 mila abitanti.



«Gran parte» di due villaggi rurali dove abitano tremila persone sono stati «distrutti» dal sisma di oggi nel sud dell'Iran nei pressi della centrale atomica di Bushehr: lo scrive l'agenzia Irna precisando che si tratta dei centri di Shambè e di Sana, rispettivamente con un popolazione di quasi 1.750 e più di 1.250 persone. «Prime stime» indicano che anche le «città» di Khormouj, Dayer a Kangan, situate nella provincia di Bushehr, sono state devastate dal terremoto di oggi in Iran. Lo scrive l'agenzia ufficiale Irna in una notizia dedicata alla lotta contro il tempo ingaggiata dalla squadre di soccorso. Il bilancio delle vittime causate dal terremoto in Iran «è destinato ad aumentare»: lo ha detto il vicegovernatore della provincia di Bushehr, Rostami, alla IRINN, sottolineando che l'area colpita dal sisma «è molto ampia». Le vittime accertate sinora sono 5, riferisce la Bbc. Intanto, il capo della Croce Rossa iraniana, Mahmoud Mozaffar, ha detto alla tv di Stato che l'80% dei due villaggi vicini all'epicentro è stato distrutto, e che nella zona vivono almeno 10.000 persone.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati