Scoppia il caso Marchese, Gasparin: "Ha rifiutato di giocare e sarà deferito"

Questa la versione dell'amministratore delegato del Catania: "Non ha accettato di giocare in un ruolo non suo"

CATANIA. In un periodo pieno di luci, spunta una piccola ombra. Il Catania festeggia la terza vittoria consecutiva e l'ottimo sesto posto in classifica, ma deve fronteggiare un caso-Marchese. Il laterale sinistro, regolarmente inserito nella lista dei convocati alla vigilia, è rimasto a guardare in occasione della sfida interna con la Fiorentina. Un episodio che fa il paio con l'esclusione di sette giorni fa contro il Genoa, formalmente motivata da un attacco febbrile, e che giunge dopo il mancato rinnovo del contratto, in scadenza a giugno. Dure le parole dell'amministratore delegato rossazzurro, Sergio Gasparin, a fine gara: «Marchese non ha accettato di essere impiegato in un ruolo un pò diverso da quello abituale. Il Catania è una società che si fonda sul rispetto delle regole e quindi abbiamo deciso di lasciare a casa il giocatore, che ora dovrà assumersi le responsabilità del caso. Mi spiace, sinora il ragazzo si era comportato in maniera assolutamente corretta e professionale, ma non si può venire meno a certi principi. Marchese verrà deferito, vedremo quale sarà l'evolversi della vicenda».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati