Niscemi, nuovo raid vandalico a scuola

Nella notte gli incendiari si sono introdotti nel cortile dell’istituto e hanno appiccato il fuoco. Un cassonetto dei rifiuti è stato dato alle fiamme

NISCEMI. Un cassonetto della spazzatura dato alle fiamme, all'interno del cortile del Secondo Circolo Didattico in via Calatafimi, è l'ennesimo episodio di violenza nei confronti delle istituzioni scolastiche. Mercoledì notte, infatti, ignoti, si sono introdotti nel cortile della scuola e indisturbati hanno dato alle fiamme uno dei cassoni, con tutto il loro contenuto.

Il Secondo Circolo, più volte nel passato è stato oggetto di azioni vandaliche. Nell'ultimo, avvenuto nel mese di Novembre 2012 sono stati razziati piccoli oggetti, materiale didattico e un computer.
"Quello di questa notte - dichiara la dirigente Clizia Nobile da due anni di servizio presso questo Circolo - è assolutamente il più vigliacco, perché fine a se stesso, senza nessun ritorno per quanti lo hanno commesso se non per il gusto di distruggere qualcosa. E' un atto teppistico miserabile che serve per creare dissapori all'interno di una comunità che non è ancora cresciuta dal punto di vista della legalità. Una città, che ha bisogno di una maggiore azione da parte anche della scuola per inculcare, soprattutto nei giovani, l'idea che il bene pubblico appartiene alla comunità intera, e ogni cosa che si distrugge, è difficile ripristinarla se non con enormi sacrifici, a discapito degli alunni, delle famiglie della città intera".

Preoccupata per lo smisurato crescendo di tale fenomeno anche l'Amministrazione Comunale che, a detta dell'Assessore alla Pubblica Istruzione, Valentina Spinello sembra "diventato di moda".

Mentre, alle pressanti richieste da parte dei Dirigenti Scolastici che chiedono da qualche tempo, maggiori controlli nelle aree intorno agli edifici scolastici e al loro interno, l'Assessore risponde: "L'amministrazione è molto sensibile a queste problematiche e a giorni, verrà montato un impianto di video sorveglianza in tutte le scuole a maggiore rischio. Ci stiamo sforzando più del possibile, nonostante la rilevante diminuzione delle risorse da parte della Regione, per impegnare maggiormente i giovani attraverso lo sport e la cultura. E' per prevenire questi disagi sociali, infatti, che abbiamo messo a disposizione tutte le strutture pubbliche di cui disponiamo: il Palazzetto dello sport e il Centro Sociale. Al loro interno e con queste finalità, operano numerose associazioni di volontariato e sportive".

Venerdì intanto, una "Marcia di solidarietà" vedrà impegnata la città e tutte le scuole per l'altra azione vandalica, che ha coinvolto il Primo Circolo Didattico, la vigilia di Natale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati