Ingroia, Severino: "Nulla gli impedisce di candidarsi"

Il ministro della Giustizia: «Dal punto di vista normativo nulla impedisce a un magistrato di candidarsi. La materia andrebbe regolamentata, però finchè non c'è una regola scritta io credo che la libertà di ciascuno di candidarsi non possa essere in alcun modo limitata»

Sicilia, Politica

ROMA. «Dal punto di vista normativo nulla  impedisce a un magistrato di candidarsi. La materia andrebbe  regolamentata, però finchè non c'è una regola scritta io  credo che la libertà di ciascuno di candidarsi non possa essere  in alcun modo limitata». Così il ministro della Giustizia,  Paola Severino, ospite di '24 Mattinò su Radio 24, commenta  l'ipotesi di candidatura alle politiche di Antonio Ingroia.     La candidatura, si chiede Severino, «dovrebbe essere un  passo senza ritorno? Il problema sussiste sia all'inizio che al  termine. Ci possono essere delle vicinanze con le attività che  sono state svolte e questo naturalmente crea un problema, però  ci sono tanti modi per vincere il conflitto d'interessi che si  pu• creare. Uno di questi modi è scegliere una candidatura e un  modo di svolgere la propria funzione politica tale da non avere  punti di contatto con quello che si è fatto in precedenza».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati