Sicilia, Archivio

Autisti picchiati: la Scat riduce le corse dei bus

Più risparmi e sicurezza. I tagli alle linee in direzione di contrada Pian del Lago

CALTANISSETTA. Fra le tante corse che la Scat ha deciso di tagliare o ridurre nell'ottica del contenimento dei costi, una in particolare avrebbe motivazioni non solo economiche. La decisione di non fare arrivare più i bus a Pian del Lago, in vigore da qualche mese, nasce anche da motivi di sicurezza legati alle minacce, a volte pure le aggressioni, subite dagli autisti di utenti sistematicamente sprovvisti di biglietti e pretendevano, con le buone spesso con le cattive, di viaggiare a sbafo. La linea in questione è quella che collega piazza Roma con contrada Pian del Lago, con benefici anche per i residenti di San Luca e della zona industriale. Una "tratta" massicciamente sfruttata dai cittadini extracomunitari ospiti del centro di permanenza, ma ritenuta "improduttiva" da un'azienda prossima al collasso per il mancato sblocco dei contributi regionali. E spesso i bus sarebbero stati teatro di insulti, minacce a volte delle botte, agli autobotti "colpevoli" solamente di chiedere il biglietto ai cittadini stranieri che sono saliti sul mezzo. Qualcuno è finito in ospedale, si sono registrate prese di posizioni dei sindacati e spesso sono intervenuti carabinieri e polizia per sedare gli animi. La Scat, alla ripresa dell'attività dopo l'occupazione settembrina di Palazzo del Carmine, oltre ad allungare i tempi ha rideterminato i confini di questa particolare e turbolenta linea e adesso i bus si fermano al quartiere San Luca. Il tutto nell'ottica dei risparmi e della sicurezza del personale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati