Duecento alberi contro i vandalismi alla Falcone dello Zen di Palermo

Alunni e genitori della scuola, armati di vanghe e zappe, lavoreranno attorno all'istituto per rispondere ai continui raid che hanno devastato l'edificio, le aule, le palestre

PALERMO. Un "semaforo" verde contro i vandali. Alunni e genitori della scuola Falcone del quartiere Zen di Palermo, armati di vanghe e zappe, pianteranno attorno all'istituto 200 alberi per rispondere ai continui raid che hanno devastato l'edificio, le aule, le palestre.
L'iniziativa è promossa lunedì 3 dicembre dal Comune che, in collaborazione con l'associazione "Vivi Sano Onlus", intende "lanciare un messaggio forte e chiaro sull'intenzione di contrastare la cultura della violenza e della sopraffazione".
Oltre a essere circondata di verde, la scuola sarà dotata anche di attrezzature sportive e di grate a protezione degli infissi grazie al contributo di due imprenditrici, Valeria Grasso di 'Donne Impresa' di Confartigianato Palermo, e Daniela Prestigiacomo di 'Vivi Sano Onlus'.
Il programma della giornata di impegno civile contro il vandalismo, metaforicamente chiamata "Piantala!", sarà presentato giovedì dall'assessore comunale alla scuola Barbara Evola. Gli alunni saranno i protagonisti del momento più significativo e simbolico della manifestazione: la ricollocazione all'ingresso della scuola del busto di Giovanni Falcone restaurato dagli allievi dell'Accademia di Belle Arti dopo gli atti di vandalismo che lo avevano danneggiato.
Interverranno il sindaco Leoluca Orlando e Maria Falcone, sorella del magistrato.
Nel corso della giornata si alterneranno rappresentazioni teatrali con attori contadini e attività ludiche. Un'azienda di ristorazione offrirà una merenda biologica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati