Gela, una lista per gestire gli esuberi nell'indotto Eni

Lo hanno detto i rappresentanti di Confindustria, della direzione del petrolchimico, di Legacoop Sicilia e dei sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil, al termine di una riunione svolta stamattina

GELA."E' stato fatto un importante passo avanti per la gestione degli esuberi nell'indotto nella raffineria dell'Eni". L'hanno detto i rappresentanti di Confindustria, della direzione del petrolchimico, di Legacoop Sicilia e dei sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil, al termine di una riunione svoltasi stamani, a porte chiuse, a 24 ore di distanza dallo sciopero dei metalmeccanici che chiedevano il rispetto degli accordi sottoscritti in prefettura, l'avvio di nuove commesse di lavoro e garanzie occupazionali per il futuro.

"Le parti - si legge in un documento diffuso in serata - hanno identificato il bacino delle imprese dell'indotto storico, i cui lavoratori in esubero costituiranno la lista di disponibilità occupazionale permanente" alla quale "tutte le aziende potranno attingere per l'esecuzione di opere e appalti nel territorio, secondo le modalità contenute nel protocollo d'intesa" sottoscritto l'estate scorsa. Il confronto proseguirà la prossima settimana per la finalizzazione e la definizione delle modalità di gestione della stessa lista, eliminando così ogni possibile arbitrio e forme clientelismo nelle scelte.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati