Furto al supermercato, bottino di tremila euro

Preso di mira il magazzino "Paghi poco" di via Santo Spirito, dove i ladri sono entrati dopo aver forzato l'ingresso. Indagine avviata dalla polizia

CALTANISSETTA. Colpo gobbo in un supermercato della periferia nissena. Tremila euro in contanti è il bottino del furto consumato in via Santo Spirito dove i ladri sono penetrati dopo aver forzato l'ingresso. L'incursione risale verosimilmente a domenica notte ma è stata scoperta lunedì mattino alla riapertura dei battenti da uno dei dipendenti del centro commerciale che ha fatto immediatamente intervenire la polizia per le constatazioni di rito.

E all'appello, da una rapida ricognizione, mancavano proprio i tremila euro custoditi nei cassetti degli uffici dove gli ignoti si sono diretti a colpo sicuro e dove si sono messi a rovistare rovesciando per terra anche un po' di documentazione. Arraffati i quattrini si sono allontanati lasciando ben poche tracce. Il supermercato preso di mira è "Paghi Poco" aperto da qualche mese nello stesso locale dove prima esisteva, ma sotto altra denominazione, un altro punto vendita all'ingrosso. Accanto al "Paghi Poco" sorge un grande discount alimentare.

I ladri, secondo una prima ricostruzione, hanno superato il cancello che delimita lo spiazzo antistante il supermercato poi sono riusciti a forzare all'ingresso e indirizzarsi nei locali adibiti ad uffici dove poi hanno prelevato il contante, probabilmente l'incasso del sabato lasciato nei cassetti. Il proprietario del "Paghi Poco" ha sporto regolare denuncia di furto in questura che ha avviato indagini per risalire agli autori di questo audace colpo in un'arteria (via Santo Spirito) fra le più sorvegliate del capoluogo per la presenza in zona di una serie di attività commerciali. Sul posto gli uomini della Scientifica, intervenuti per i rilievi, non avrebbero trovato oggetti adoperato per forzare la porta d'accesso.

Le indagini sono affidate alla sezione Volanti della questura che sta rispolverando vecchi fascicoli relativi ai furti in supermercati registrati in anni passati. Clamorosi quelli del periodo natalizio 2010 quando in pochissimi giorni furono alleggerite le casseforti di cinque punti vendita del capoluogo, in centro e in periferia, con bottini davvero rilevanti. Degli autori non si è più saputo nulla, qualcuno sospettò dell'esistenza di una banda specializzata arrivata dalle zone del catanese dove colpi del genere rappresentavano la consuetudine.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati