Criminalità, due rapine a Gela

GELA. Due rapine sono state compiute a Gela. La prima è avvenuta sulla statale 117 bis, in contrada Ponte Olivo, a circa 9 km dalla città. Quattro banditi, armati e travisati, mettendosi di traverso con la loro autovettura, hanno sbarrato la strada alla Chevrolet di due agenti della Settel Sicilia, Maria Ferla, di 55 anni, e Daniel Finocchiaro, di 33 anni, madre e figlio, entrambi di Catania, che avevano appena consegnato biglietti di lotteria, gratta e vinci, e schede di ricariche telefoniche, alle tabaccherie di Gela, e stavano facendo ritorno a Catania. Sotto la minaccia delle armi hanno sottratto ai due sia l'incasso della vendita (15 mila euro in contanti e 15 mila in assegni non trasferibili) che l'automobile, lasciandoli a piedi. Una telefonata al 112 ha messo in allerta i carabinieri che hanno istituito posti di blocco nella zona, senza i risultati sperati.
La seconda rapina è stata compiuta contro la sala-giochi "Millionaire" di corso Salvatore Aldisio, da un uomo armato di coltello e travisato con uno scalda collo. Il malvivente ha costretto la 30enne impiegata addetta alla reception ad aprire la cassaforte e a consegnare il denaro che vi era custodito, circa 700 euro in banconote di vario taglio. Poi è fuggito a piedi. Su questo episodio indaga la polizia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati