Trapani battuto a testa alta contro il Lecce

Nonostante la sconfitta per una rete a zero, la formazione di Boscaglia ha messo in difficoltà un avversario inizialmente timoroso. Decisiva una rete di Foti

TRAPANI. Il Trapani esce a testa alta dal confronto con la capolista Lecce nonostante la sconfitta interna per una rete a zero. I granata hanno disputato un grande incontro dinanzi ai quotati avversari che senza alcun dubbio avrebbe meritato un altro esito.
La formazione di Boscaglia ha subìto fatto la partita mettendo in difficoltà un avversario inizialmente timoroso che addirittura nei primi minuti ha commesso qualche marchiano errore. Nel momento migliore, mentre i granata continuavano a portare insidie alla retroguardia salentina ecco la rete ospite, giunta al 15’ ad opera dell’attaccante siciliano Foti che approfittava di una disattenzione di un paio di difensori di casa e batteva il portiere Nordi.
Nonostante “la mazzata” il Trapani, sotto la spinta di un inesauribile Giacomo Tedesco, continuava a macinare gioco e ad impensierire gli ospiti senza però riuscire a trovare la stoccata vincente. Nella ripresa ricominciava la “torcida” granata e al 49’ il terzino Rizzi fiondava bene in porta ma la palla sorvolava di poco la traversa. Tre minuti dopo era l’esterno alto di casa, Basso, a sfiorare il montante su calcio piazzato. Al 58’ su un’altra incursione trapanese il Lecce si salvava con Di Maio il quale riusciva a cacciare fuori un pallone che ballava nei pressi della propria porta. Dieci minuti dopo, il nuovo entrato Gambino tentava la sortita però il suo “piatto” andava fuori.
Man mano che i minuti passavano il Lecce continuava ad erigere una solida muraglia contro la quale le velleità granata andavano a cozzare. La squadra di Franco Lerda era in affanno contro un Trapani che tentava il tutto per tutto con quattro attaccanti (Romeo, Gambino, Docente, Basso) a cercare di sfondare. L’ultimo tentativo, in pieno recupero, era di Docente ma il suo pallone indirizzato in porta da dentro l’area andava a incocciare il corpo del difensore Di Maio che salvava il Lecce dal probabile pari.
Si concludeva così l’incontro con gli ospiti rintanati nella propria metà campo e i granata alla ricerca disperata del punto. Meritati gli applausi che alla fine della gara la squadra di Boscaglia ha ricevuto dal proprio pubblico. Il trainer si è detto contento per “una delle migliori prestazioni della squadra da quando alleno il Trapani. Non ho nulla da rimproverare ai miei ragazzi. L’unica cosa che mi dispiace è di non aver raccolto punti. Ringrazio il pubblico trapanese che si è reso conto della nostra lodevole prestazione”.
Per l’allenatore del Lecce Franco Lerda “quando c’è da difendere il risultato se ci fosse la possibilità scenderei in campo pure io a farlo. Non siamo stati agevolati dal fondo campo allentato ma debbo riconoscere che il Trapani ha dimostrato d’essere la migliore squadra, abbastanza tosta, che abbiamo incontrato finora in campionato”.


© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati