Concerti, danze e letture: l'Italia celebra John Cage

Nessun grande musicista americano, ad
eccezione di Leonard Bernstein, ha avuto in Italia dopo la sua
morte un ricordo tanto ampio, programmato per mesi, come quello
attualmente dedicato a John Cage per il suo centenario, a
vent'anni dalla scomparsa (1912-1992).
Si distingue, tra le diverse iniziative in corso, la
celebrazione promossa da giugno fino ai primi di dicembre
dall'Associazione Culturale Dello Scompiglio, diretta dalla
regista e performer Cecilia Bertoni, la cui sede è sulle
colline di Vorno, nei pressi di Lucca. Il progetto si intitola
"John Cage: 4'33' Lezioni sui fungh" e propone numerosi
appuntamenti: concerti, con alcune prime esecuzioni, teatro
musicale, performance, danza, arti visive, letture, conferenze. Cage è stato uno degli autori ai quali la musica
contemporanea deve tanti contributi innovativi: la scoperta del
silenzio, l'affermarsi della lentezza, lo studio dei suoni fino
alla legittimazione del rumore. Considerato uno straordinario
minimalista, rigoroso nella sua opera di contagio tra musica,
letteratura e danza, forte di un'interdisciplinarietà
concettuale. È stato conosciuto in Italia soprattutto come
direttore musicale degli spettacoli di danza moderna di Merce
Cunningham, da noi più volte rappresentati. In questo video, una sua performance.

© Riproduzione riservata