Cefalù 20 Scarl, i sindacati scrivono al prefetto

PALERMO. In seguito al licenziamento collettivo avviato dalla "Cefalù 20 Scarl" l'8 agosto scorso riguardante 157 dipendenti su un totale di 212 lavoratori, in una lettera al prefetto di Palermo le segreterie provinciali di Fillea, Filca e Feneal esprimono grave preoccupazione per il rischio della mancata realizzazione di una opera strategica per il territorio e per la Sicilia. Oggi si è tenuto un primo incontro con l'azienda, presso l'associazione degli Industriali di Palermo, per esaminare le cause che hanno contribuito a determinare l'eccedenza del personale addetto ai lavori di realizzazione dell'opera, il raddoppio ferroviario della linea Palermo-Messina, tratta Fiumetorto-Cefalù-Ogliastrillo. L'azienda, nonostante la contrarietà dei sindacati, ha confermato la propria determinazione ad avviare allo scadere della Cigs il prossimo 30 settembre i licenziamenti con decorrenza 1 ottobre 2012. Per questo motivo Fillea, Filca e Feneal chiedono al prefetto "di essere convocati unitamente alla committenza, Rfi ed Italferr, e al contraente generale Cefalù 20 scarl per individuare adeguate soluzioni alla vertenza in atto".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati