Dalla Sicilia alla Puglia a piedi per La Notte della Taranta

Il lungo viaggio del palermitano Giorgio Ciaccio, partito il 2 agosto da piazza Politeama. L’obiettivo è raggiungere Melpignano in 23 giorni per assistere al classico concerto

ROMA. Melpignano come un "santuario laico" della musica, mecca della multiculturalità da raggiungere alla fine di un lungo viaggio: dalla Sicilia alla Puglia, mille chilometri a piedi in ventitré giorni fino al Concertone finale de La Notte della Taranta che sarà il 25 agosto. Il trentenne palermitano Giorgio Ciaccio è partito da Piazza Politeama, a Palermo, il 2 e ha già percorso metà dell'itinerario che lo porterà nel Salento per assistere alla lunga Notte che chiuderà il festival.   'Il Cammino della Taranta', la singolare iniziativa strutturata in ventitré tappe che toccano Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia ha avuto il patrocinio morale del Comune di Melpignano e di altri comuni, e unisce idealmente gli appassionati di mobilità sostenibile con il grande popolo della Taranta che ogni anno, da quindici edizioni, si dà appuntamento nel cuore della Grecia. Attraverso il blog che Ciaccio tiene sul suo sito www.ilcamminodellataranta.it è possibile seguire quotidianamente le fasi del cammino.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati