Il partito dei preti per le regionali

Il mondo della Chiesa si mobilita per le elezioni, per la prima volta ci sarà una lista promossa da sacerdoti, che reca nel simbolo una frase del profeta Isaia: «Il lupo e l’agnello dimoreranno insieme»

PALERMO. Il programma è stato formalizzato il 30 luglio alla presenza di un notaio, il simbolo è stato depositato qualche giorno dopo alla Camera di Commercio di Palermo. È nato così il movimento «Uomini nuovi per una società di uguali e partecipi» promosso da un gruppo di una ventina fra parroci guidati dal palermitano Felice Lupo e laici che si muovono in ambienti ecclesiastici.
Il mondo della Chiesa si mobilita per le elezioni regionali. E per la prima volta ci sarà una lista promossa da sacerdoti, che reca nel simbolo una frase del profeta Isaia: «Il lupo e l’agnello dimoreranno insieme». Don Lupo, parroco di Sant’Eugenio Papa (una delle chiese più ricche di Palermo) ha scritto il piano in una lettera con cui ha chiesto a colleghi di altre parrocchie di partecipare al progetto: «Nasce un movimento cattolico completamente autonomo e indipendente da qualsiasi vecchia nomenclatura partitica e con liste provinciali senza nessun vecchio politico come capofila».
A Palermo si sta muovendo anche padre Bumbalo della chiesa di San Francesco di  Sales . Non ci saranno preti in lista ma a loro spetta il compito, si legge ancora nel documento inviato da padre Lupo, «di immettere nella politica attiva laici cattolici impegnati nell’itinerario di formazione permanente alla vita buona del Vangelo e alla dottrina sociale della Chiesa».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati