Il mito di Rodolfo Valentino rivive in una fiction

Rodolfo Valentino entrò a passo di tango nella storia del cinema mondiale e nell'immaginario femminile, consolidando il mito dell'amante latino, del cavaliere senza macchia e senza paura che muore giovane, come tragicamente accadde, a soli trentuno anni. E' stata una figura leggendaria, il cui successo non si spiega solo con lo sguardo magnetico che incantava gli spettatori, ma è anche legato a più ampie e complesse questioni di storia sociale e culturale, come la formazione di un pubblico di massa o l'identità sessuale. A far rivivere il suo mito la miniserie in due puntate prodotte dalla Ares Film di Teodosio Losito per Mediaset, per la regia di Alessio Inturri, le cui riprese sono da poco iniziate a Roma. Sarà una delle fiction di punta della prossima stagione di Canale 5. A prestargli il volto, il bel tenebroso Gabriel Garko.

© Riproduzione riservata