Inps, crollo delle nuove pensioni: -47% in 6 mesi

Il dato e' l'effetto della finestra mobile e dello scalino scattati nel 2011 mentre la riforma Fornero ha impatto dal 2013. In 2012 eta' media aumenta un anno. Mastrapasqua: riforme ok, sistema in sicurezza

ROMA. Crollo delle nuove pensioni nei primi sei mesi del 2012: gli assegni liquidati dall'Inps - secondo quanto risulta all'Ansa - sono stati 84.537 con un calo del 46,99% rispetto allo stesso periodo 2011(erano 159.485). Il dato e' l'effetto della finestra mobile e dello scalino scattati nel 2011 mentre la riforma Fornero ha impatto dal 2013.

Nei primi sei mesi del 2012 l'eta' media per l'accesso alla pensione nel privato e' stata di 61,3 anni, un anno in piu' rispetto ai 60,4 anni registrati nel 2011. E' quanto emerge da tabelle Inps. L'eta media e' superiore di due anni rispetto alla Francia (59,3 anni) e vicina a quella tedesca (61,7 anni).

MASTRAPASQUA: RIFORME OK, SISTEMA IN SICUREZZA - I dati Inps sul calo delle nuove pensioni dimostrano che le riforme "hanno funzionato" e che il sistema previdenziale "é stato messo in sicurezza": lo afferma il presidente Inps, Antonio Mastrapasqua in un colloquio con l'ANSA - precisando che "questi sono dati dell'economia reale del Paese. E' un segnale per l'Europa e per i mercati".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati