Terremoti, quaranta scosse nel Catanese

La terra ha tremato questa notte. Epicentri in prossimità dei comuni di Giarre, Milo, Sant'Alfio, Santa Venerina e Zafferanea Etnea. L’intensità tra i 3.2 e i 2.2 gradi della scala Richter

CATANIA. Movimenti nei condotti magmatici interni nell'ambito di una 'ricaricà di energia dell'Etna: sono la causa delle circa 40 scosse registrate la notte scorsa nel Catanese, che ha avuto il massimo con un sisma di magnitudo 3.2, secondo l'analisi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania.


I sismi, che non hanno provocato danni a cose o persone,  hanno avuto ipocentri compresi tra i 5 e i 6,2 chilometri di profondità ed epicentri in prossimità dei comuni di Giarre, Milo, Sant'Alfio, Santa Venerina e Zafferanea Etnea, paesi dove gli eventi sono stati avvertiti. Secondo l'Ingv, i terremoti sono collegati ad una nuova fase dell'attività dell'Etna che da maggio scorso ha cambiato 'decorsò, rallentando nel tempo le eruzioni-lampo. Probabilmente, ipotizzano gli esperti, il vulcano attivo più alto d'Europa si prepara a una nuova fase di attività, diversa dalle precedenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati