Scosse nel Catanese: gli studenti fanno esami in cortile

È accaduto a Zafferana Etnea, uno dei paesi alle pendici del vulcano attivo più alto d'Europa dove sono state registrati dalla notte scorsa oltre 40 terremoti. Così la direzione dell'istituto comprensivo Federico De Roberto, per precauzione, ha preferito fare trasferire in cortile i 12 alunni e gli insegnanti che erano impegnati nelle prove orali degli esami di terza media

ZAFFERANA ETNEA. La terra trema e la scuola per precauzione fa svolgere gli esami nel cortile. È accaduto a Zafferana Etnea, uno dei paesi alle pendici del vulcano attivo più alto d'Europa dove sono state registrati dalla notte scorsa oltre 40 terremoti.  L'ultimo sisma, quello delle 10.18, di magnitudo 3.1, ha fatto scattare l'allarme, ma nessuna scena di panico: gli abitanti della zona sono abituati a convivere con scosse ed eruzioni. Così la direzione dell'istituto comprensivo Federico De Roberto, per precauzione, ha preferito fare trasferire in cortile i 12 alunni e gli insegnanti che erano impegnati nelle prove orali degli esami di terza media. 


«La scuola - ha spiegato la vice preside, Maria Rosa Di Salvo - ha attivato le procedure d'emergenza. Abbiamo contattato il Comune, dal quale abbiamo avuto la conferma che non c'è stato di allerta, ma le prove di esame continuano fuori in via precauzionale. I ragazzi sono al sicuro e sono tranquilli».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati