Fai: emergenza furti al porto di Catania

CATANIA. La convocazione di "un tavolo tra tutti gli operatori che operano nel porto di Catania e le Istituzioni interessate per fronteggiare l'emergenza furti nello scalo" è stata chiesta alla prefettura del capoluogo etneo dalla sezione regionale della Federazione autotrasportatori italiani (Fai). "Gli autotrasportatori siciliani sono molto preoccupati per il vertiginoso aumento di tali episodi - si legge in una lettera inviata al prefetto dalla Fai - che danneggiano gravemente le aziende minando i rispettivi rapporti con le compagnie assicurative che, in molti casi, decidono, per non corrispondere le indennità, di rescindere le polizze". "Ancora oggi - aggiunge l'associazione di categoria -, nonostante i nostri pressanti e accorati appelli alle forze dell'ordine e alle autorità competenti, abbiamo potuto più volte, anche con materiale fotografico, verificare l'assenza di controlli ai varchi di ingresso e di uscita dello scalo. I semirimorchi prelevati dai piazzali portuali non sono soggetti ad alcuna verifica prima di lasciare il Porto. E' una situazione - conclude il Fai - incresciosa che va affrontata e risolta perché preoccupa anche il mondo industriale siciliano e non".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati