Palermo, ristoratore evade 300 mila euro

Denunciato dalla guardia di finanza per aver nascosto, dal 2009 al 2011, oltre 600 mila euro di ricavi, dichiarando al fisco appena il 30% degli incassi giornalieri

PALERMO. Un ristoratore palermitano, di cui non sono state rese note le generalità, è stato denunciato dalla guardia di finanza per aver nascosto, dal 2009 al 2011, oltre 600mila euro di ricavi, dichiarando al fisco appena il 30% degli incassi giornalieri.
Il ristoratore, secondo le Fiamme gialle, avrebbe evaso così 300mila euro di tasse rilasciando ai clienti scontrini e ricevute fiscali in parte "taroccate" e, quindi, destinate a non transitare in contabilità e nella dichiarazione dei redditi. Già a febbraio scorso, i finanzieri avevano acquisito diverse ricevute fiscali con numerazione progressiva sfalsata, mentre altre riportavano il numero di partita Iva contraffatto contenente soltanto dieci cifre anziché undici.
I militari si sono pure accorti che il ristoratore, a fronte di 3.500 stampati fiscali prenumerati acquistati nel 2009, ne aveva conservato soltanto la metà dichiarando di aver smarrito gli altri rendendo pertanto impossibile la ricostruzione del reale volume d'affari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati