Esercitazione della Marina tra l'Italia e la Tunisia

ROMA. Si svolgerà dall'11 al
15 giugno, nelle acque della Sicilia orientale, l'esercitazione
bilaterale italo-tunisina «Oasis», che quest'anno è stata
pianificata, organizzata e coordinata dalla Marina militare
italiana.
    L'esercitazione, giunta alla decima edizione, viene
'guidatà alternativamente dalla Marina italiana e dalla Marina
tunisina, e si colloca nell'ambito di una serie di attività di
cooperazione internazionale che la Marina militare italiana
svolge con le Marine di molti dei Paesi che si affacciano sul
Mediterraneo. Lo scopo dell'Oasis è accrescere e consolidare la
capacità di cooperazione tra le forze navali italiana e
tunisina nel campo della Ricerca e del soccorso marittimo (Sar),
della sorveglianza e delle attività di controllo del traffico
mercantile per il contrasto alle attività illecite.
   Quest'anno, per la prima volta, la cooperazione si estenderà
al campo subacqueo con lo sviluppo di attività inerenti le
tecniche e le procedure per la ricerca e la rimozione di ordigni
dal fondale marino.
   L'Italia partecipa all'esercitazione con il pattugliatore
d'altura «Comandante Foscari» - su cui è imbarcato un
elicottero Ab-212 del Secondo gruppo elicotteri della base di
Maristaeli Catania e un team ispettivo del reggimento San Marco
- un'unità navale ausiliaria, un rimorchiatore d'altura e un
team di subacquei del nucleo Sdai di Augusta.
   La Tunisia partecipa con due pattugliatori della Classe
Albatros, l'Annon e l'Hamilcar, un team ispettivo e un team di
subacquei. L'esercitazione prevede una sosta nel porto di
Augusta che, oltre a consentire la pianificazione delle
successive attività in mare, coinvolgerà gli equipaggi in
attività a carattere sociale e culturale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati