Foto del giorno

Enlarge Dislarge
1 / 3
Il pianeta Venere fra la mezzanotte e l’alba di oggi è passato davanti al disco del Sole. Un evento astronomico imperdibile visto che il prossimo transito di Venere avverrà tra 105 anni, l’11 dicembre del 2117. Il transito di Venere, oltre a essere un vero e proprio spettacolo astronomico perché il pianeta è apparso come una sorta di neo in movimento sulla superficie del sole, è stata anche un’occasione unica per studiare l’atmosfera del pianeta e per affinare le tecniche utilizzate per studiare e scoprire i pianeti extrasolari, molti dei quali vengono scoperti proprio quando transitano davanti alle loro stelle. Per questo il transito è stato monitorato da Terra e dallo spazio. Una spedizione di astronomi guidata dall’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), per esempio, osserverà il transito dalle Isole Svalbard, oltre il circolo polare artico. Per l’occasione l’Inaf ha organizzato per il pubblico osservazioni dal vivo anche a Palermo, dove in molti, a partire dalle 5.30 hanno affollato il Foro Italico, e a Catania.
Il pianeta Venere fra la mezzanotte e l’alba di oggi è passato davanti al disco del Sole. Un evento astronomico imperdibile visto che il prossimo transito di Venere avverrà tra 105 anni, l’11 dicembre del 2117. Il transito di Venere, oltre a essere un vero e proprio spettacolo astronomico perché il pianeta è apparso come una sorta di neo in movimento sulla superficie del sole, è stata anche un’occasione unica per studiare l’atmosfera del pianeta e per affinare le tecniche utilizzate per studiare e scoprire i pianeti extrasolari, molti dei quali vengono scoperti proprio quando transitano davanti alle loro stelle. Per questo il transito è stato monitorato da Terra e dallo spazio. Una spedizione di astronomi guidata dall’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), per esempio, osserverà il transito dalle Isole Svalbard, oltre il circolo polare artico. Per l’occasione l’Inaf ha organizzato per il pubblico osservazioni dal vivo anche a Palermo, dove in molti, a partire dalle 5.30 hanno affollato il Foro Italico, e a Catania.