Pdl, Bondi rassegna le dimissioni come coordinatore

La decisione arriva, dice il politico, per "sottrarsi ad attacchi e denigrazioni personali che fanno parte della peggiore politica"

ROMA. Sandro Bondi rassegna, nelle mani di Berlusconi e Alfano, le dimissioni da coordinatore nazionale, non perchè si senta «colpevole» di qualcosa ma, dice, «per sottrarmi ad attacchi e denigrazioni personali che fanno parte della peggiore politica». Bondi sostiene di essere fiducioso nelle scelte che faranno i vertici del Pdl.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati