Enna, picchiano venditore ambulante marocchino: due arresti

Alla base di tutto il rifiuto da parte dell'extracomunitario di offrire loro una sigaretta. Aggredito anche un giovane che stava difendendo l'uomo

ENNA. Aveva rifiutato di offrire una sigaretta e per questo un venditore ambulante marocchino è
stato aggredito a Enna da un minorenne e da un suo amico di 20 anni che si sono scagliati anche contro un giovane intervenuto in difesa dell'extracomunitario. I due, poi arrestati, hanno lanciato per aria i banchetti su cui era sistemata tutta la merce dell'ambulante. La scena è stata notata da un giovane ennese che è immediatamente intervenuto in difesa dello straniero. I protagonisti del raid razzista hanno finto di allontanarsi ma subito dopo sono tornati con una sedia e hanno cominciato a colpire il marocchino e il giovane che stava aiutando l'ambulante a sistemare nuovamente la sua merce. Gli aggressori hanno infierito soprattutto nei confronti del giovane
ennese, colpito con calci e pugni quando era ormai a terra. Sono stati gli agenti di una volante a bloccare i due che sono stati denunciati per percosse e lesioni aggravate in concorso. Entrambi hanno precedenti penali. L'aggressione, secondo gli investigatori, sarebbe a sfondo razziale: la richiesta della sigaretta sarebbe stata infatti solo un pretesto per danneggiare la merce dell'ambulante.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati